5 cose che

5 titoli di libri che cambierei

Buongiorno Twinslettori!!
Giornata grigia quella di oggi ma portiamo un po’ di colori parlando dei nostri amati libri con la rubrica del Venerdì: 5 cose che.
Il titolo, quanto conta nella scelta del libro da leggere? Direi abbastanza. Come si capisce dal titolo, oggi si parla proprio di titoli! E, ce se ne sono diversi, molti di più di quelli che in realtà credevo, che vorremmo cambiare. Questi sono i miei 5 titoli di libri che cambierei!

Il primo che mi è venuto in mente appena ho letto l’argomento è Il giardino degli incontri segreti di Lucinda Riley. Nella storia non c’è un giardino e non ci sono incontri segreti, si parla si di fiori e di relazioni da mantenere nascoste…non è un caso se il titolo originale sia Hothouse Flower, fiore di serra, decisamente più appropriato.

La casa di campagna di Joseph Pittman un libro che non è molto conosciuto. L’ho trovato a pochi euro diversi anni fa, l’ho preso, l’ho letto e mi è davvero piaciuto! Se siete tra quelli che non lo conoscono se vedete una copertina ed un titolo del genere, cosa vi viene in mente? Cosa? Hansel e Gretel? Anche voi…incredibile, anche a me è venuta in mente!! Scherzi a parte, sì effettivamente nel libro c’è una casa in un paesino di campagna ma in questo modo il titolo sminuisce il romanzo. Ho un ricordo vago, devo essere sincera, però ricordo benissimo il coinvolgimento durante la lettura, uno di quei libri che non lo lasci finché non lo hai terminato, mi piacerebbe rileggerlo! Il titolo originale è The Legend’s End, la fine della leggenda che, ovviamente, rende molto di più l’idea dato che c’è una leggenda/maledizione attorno a cui ruotano le vicende legate al protagonista della storia.

Shopping con Jane Austen di Laurie V. Rigler. Ok, non c’entra niente con il tema ma…quant’è brutta la copertina?! Questo è un libro che non ho ancora letto, l’ho vinto un po’ di tempo fa grazie ad un giveaway. Un libro a tema Austen, non potevo farmelo sfuggire! Il titolo però, un po’ come la cover, non mi piace per niente! Insomma zia Jane a fare shopping?! Naaa, io non ce la vedo per niente! Siamo infatti davanti ad un altro libro dal titolo tradotto ad cacchium. L’originale è Confessions of a Jane Austen Addict…perché lo shopping, perché?!
Il libro ha un seguito: In viaggio con Jane Austen, vi risparmio la copertina perché è peggiore rispetto a questa ma, se volete farvi una risata, vi consiglio di cercarla!

Il mio splendido migliore amico di A.G. Howard, anche questo è un libro che non ho ancora letto. Ma il titolo, quando ancora non sapevo nulla a riguardo, mi ha tratta in inganno, facendomi subito pensare a qualche storia d’amore: con un titolo del genere, edito dalla Newton, vai a pensare ad un fantasy?! Se voi lo avete letto, fatemi sapere se c’entra almeno qualcosa con la trama!

Sì più che un titolo qui intendo proprio una categoria di titoli. Quando vedo queste cose la mia reazione è più o meno questa
A parte la prima volta in cui ho visto in libreria tutti i libri della serie di Emma Chase, lì sono proprio scoppiata a ridere. Non ho letto nessuno di questi libri, un po’ perché non ne ho avuto la possibilità, un po’ perché, devo essere sincera, non mi ispirano molto, avendo titoli così mi sembrano anche i libri stessi un po’ tutti uguali, probabilmente mi sbaglio anzi, fatemi sapere se ce n’è qualcuno che vale la pena leggere!
Ed anche per oggi è tutto! Quali sono i vostri 5 titoli che cambiereste?
Gioia
Leggi anche il post di:
Ogni settimana proporremo una lista di 5 “cose”: 5 libri, 5 film, serie tv, personaggi, attori ecc ecc. A proporlo non saremo soltanto noi perché invitiamo anche voi a prendere parte attiva nella rubrica, iscrivendovi al gruppo facebook “Blogger: 5 cose che…” Per altre informazioni vi rimandiamo al post di presentazione che potete trovare QUI

25 commenti

  • Annamaria Petriccione

    Ciao Gioia, devo dirti che tutti questi libri che hanno per protagonista zia Jane mi hanno sempre incuriosita, ma non ho mai avuto il coraggio di acquistarne molti, perché non mi fidavo neanche tanto delle copertine ed hai ragione a dire che quella di "Shopping con Jane Austen" è oscena e il titolo poi? Peggio ancora!

    • Gioia Twin

      Ciao Annamaria!! Io ho approfittato dato che era in palio ad un giveaway altrimenti, molto probabilmente, non lo avrei preso, ancora lo devo leggere! Titolo e copertina…non so cosa sia più "osceno", hai usato il termine perfetto! 😀

  • NotLoved

    Con quelli di Emma Chase ho avuto la tua stessa reazione, più o meno.
    Ricordo chiaramente di essere rimasta a fissare tutti e quattro i volumi con espressione confusa per almeno cinque minuti. xD

  • Alexis Kami

    Ahahahah la mia reazione è la stessa! Io cambierei titolo a "la foresta degli amori perduti" perchè è fuorviante, essendo in origine La foresta di mani e denti, con tanto di zombie O__o

  • Eleonora C

    Ed ecco un'altra persona che ha scelto "Il mio splendido migliore amico", uno di quei titoli che mi fanno venire il mal di stomaco ogni volta che li leggo.

    Anche da me puoi trovare la McGuire con la serie dei Maddox e la TANGLED series della Chase ( quanto sono odiosi quei titoli? Quanto sono banali? Grrrr che rabbia!!!)

    Baci
    Eleonora C
    LA BIBLIOTECA DELLA ELE

    • Gioia Twin

      ahaha eh si, siamo state diverse a scegliere "Il mio splendido migliore amico", scelta direi più che comprensibile! Già!! Sono proprio banali e purtroppo danno la stessa impressione ai libri stessi! :/

  • Leryn (Libera tra i Libri)

    Ciao Gioia, non conoscevo il libro su Jane Austen ed hai ragione, è un pò triste la traduzione scelta (e la borsetta che si vede sulla cover).
    Per me questa autrice è un mito quindi un testo ironico/dissacrante non sono sicura al 100% che lo leggerei.
    Sui libri della Chase e della McGuire non posso aiutarti, non m'ispirano molto.
    Adoro i fantasy, i romance americani in cui l'elemento rosa non è prevalente, i classici e qualche distopico.
    La mia vita non procede sempre a gonfie vele purtroppo quindi di disastri/pasticci/guai e imprevisti non voglio saperne XD
    Un salutone
    Leryn

  • Valentina Bellettini

    Ciao ragazze! E' vero, quelli della Chase all'epoca avevano fatto ridere anche me! E non mi snoo mai sognata di leggerli 😛
    Riguardo a "Il mio splendido migliore amico" non immaginavo fosse un fantasy, altrimenti lo avrei letto subito! L'ho scoperto solo quando è uscito il secondo volume 😛
    "Shopping con Jane Austen" è davvero orribile, cover compresa. Ma chi ha scelto il titolo, ha letto Jane Austen? XD
    "La casa di campagna" non mi dice nulla come titolo, ma quello che hai riportato in originale, uao, vien voglia di leggerlo! :O

    • Gioia Twin

      Ciao Vale!! Ah no, sono sicura che nemmeno io li leggerei mai!!
      Per la casa di campagna, sì, il titolo originale rende più l'idea, certo non si tratta di un thriller mozzafiato, ma nemmeno di Hansel e Gretel ecco xD

  • Susy

    Non c'è niente da fare molti abbiamo messo i libri della Newton che diciamolo peccano per quanto riguarda la cover e anche titoli.
    Anch'io penso che Shopping con Jane Austen non centra un bel niente nè come titolo nè come cover

  • Elsa

    Giuro che con l'argomento di questa settimana mi sono divertita tantissimo! Ahahah è risaputo che zia Jane andasse pazza per lo shopping. 😀
    La carrellata di titolo alla fine sono l'ORRORE!!

  • Anonimo

    Ciao Gioia!
    Sono daccordissima con te per quanto riguarda "Il giardino degli incontri segreti"! Il titolo in inglese è molto ma molto più azzeccato!
    Per quanto riguarda "Il mio splendido migliore amico" devo dire che come titolo mi è suonato sin da subito proprio orrido!!!! 🙁

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *