Recensioni

Dove il destino non muore di Elisabetta Cametti

Dove il destino non muore. 

di Elisabetta Cametti
 
Editore: Cairo
Data di pubblicazione: 8 novembre 2018
Pagine: 541
Prezzo copertina rigida: 16.06€
Prezzo e-book: 6.99€

Sinossi.
Il guardiano dei Musei nazionali delle residenze napoleoniche sa che la sua vera identità è stata scoperta. Stanno venendo a prenderlo. Ma non si farà catturare vivo, perché quello è l’epilogo di un piano scritto anni prima. L’eredità di Napoleone è in pericolo, e lui è pronto a trasferirla nelle mani della bambina che ha visto crescere. Katherine Sinclaire, però, è all’oscuro di tutto. Sta presentando il suo ultimo bestseller a Roma, in un auditorium gremito di gente, e non può nemmeno immaginare che nei ricordi delle vacanze all’Isola d’Elba si nascondano le risposte ai più grandi interrogativi della storia. Sullo sfondo, due società segrete che da duecento anni si contendono la supremazia sulla verità. La prima, voluta da Napoleone stesso per proteggere le scoperte archeologiche che hanno costellato le sue imprese. L’altra è una delle organizzazioni più influenti al mondo. Al centro, il mistero della campagna d’Egitto. Katherine si lascerà coinvolgere in una cospirazione, i cui risvolti potrebbero mettere in discussione il corso della storia e le convinzioni acquisite sulle civiltà più antiche. E quando penserà di avere decifrato tutti gli enigmi che via via le si sono presentati, si troverà intrappolata in uno sconvolgente intrigo familiare: l’inizio di un nuovo viaggio che la porterà lontano, in un futuro senza segreti nel passato. Là dove il destino non muore.
Recensione
La bella e affascinante scrittrice Katherine Sinclaire è una scrittrice di successo. Sta presentando il suo romanzo nella città ricca di storia, Roma, quando riceve un’inaspettata notizia: suo zio Theodore Sinclair è morto.
Theodore, guardiano dei Musei nazionali delle residenze napoleoniche dell’Isola dell’Elba, si è suicidato in circostanze misteriose.
Katherine, accompagnata dalla sua fedele cagnolina Tremilla, parte alla volta dell’Elba per scoprire cosa si nasconde veramente dietro l’inspiegabile quanto oscuro evento.
Arrivata sull’isola Katherine intuisce, grazie soprattutto alle immagini della sua infanzia e dei suoi ricordi, che suo zio nascondeva un enorme segreto legato a Napoleone e alle sue celebri imprese. Theodore infatti, prima di morire, le ha dato tutte le opportunità per raggiungere il capo della matassa, la rivelazione che potrebbe sconvolgere la storia conosciuta da tutto il mondo.
Ma Katherine non è l’unica a voler scoprire quello di cui suo zio era a conoscenza. Una misteriosa quanto temibile organizzazione segreta vuole mettere le mani su quella che potrebbe essere considerata la più grande rivelazione su Napoleone e sulla campagna di Egitto.
Tra pericoli, inseguimenti, intuizioni, confessioni e morte Katherine dovrà rivivere parte del proprio passato per rispondere alle innumerevoli domande che attanagliano il suo animo.
Ma la donna ha un’arma in più di cui quasi nessuno è a conoscenza: Katherine infatti è una guardiana della storia. Attraverso delle visioni riesce ad avere un quadro d’insieme su un passato incerto, che sembra inestricabile, ma che, probabilmente, posso darle il vantaggio che la porterà a risolvere l’enigma.
Molti sono i personaggi, brillantemente caratterizzati, che ruotano intorno alla storia che però dona maggiore spazio e forma alla figura di Katherine e, di riflesso, a suo zio Theodore.
Sono loro, così simili e affini, che danno spessore e ricco il romanzo.
[…] Non basta pubblicare libri per esserlo. Sei uno scrittore quando con le tue parole riesci a mostrare una realtà che il lettore non aveva neppure immaginato e sulla base di quella realtà lo induci a riflettere, fino a portarlo a vedere le cose dalla prospettiva opposta. Sei uno scrittore se il lettore si sente una persona diversa appena inizia il viaggio con te. Se a metà libro avverte il bisogno di approfondire le verità che gli hai suggerito. Se prima di affrontare l’ultimo capitolo ha già deciso che terrà vive le emozioni di cui si è nutrito pagina dopo pagina. Sei uno scrittore se offri visione, conoscenza, cambiamento, e tutti i vocaboli che il dizionario ti propone come loro sinonimi.
Altrimenti sei solo un uomo, uno dei tanti.
 
Dove il destino non muore è un quadro dipinto con tutte le sfumature dei colori: thriller, avventura,  attualità, storia e, perché no, quel tocco di fantasy che rende la tela più ricca e dinamica.
Con una narrazione fluida e mai banale si riesce a tessere e intrecciare la tela di ogni personaggio, tra presente e passato, alla ricerca della verità.
Ringrazio l’autrice, Elisabetta Cametti, e il suo ufficio stampa per avermi dato l’opportunità di leggere Dove il destino non muore e di vivere un’avventura estrema tra storia, peripezie e colpi di scena.
Buona lettura!

L’autrice.
Elisabetta Cametti, classe 1970, con una laurea in Economia e Commercio in Bocconi, da vent’anni si occupa di editoria e lavora tra Milano e Londra.
Nel 2013 ha pubblicato il primo romanzo della Serie K, I guardiani della storia, suo thriller di esordio e bestseller internazionale. Nel mare del tempo, secondo romanzo della Serie K, è stato pubblicato nel 2014.
La stampa l’ha definita “la signora del thriller italiano” e la sua protagonista Katherine Sinclaire è stata battezzata “il contraltare femminile di Robert Langdon, l’eroe dei romanzi di Dan Brown”.
Nel 2015 ha inaugurato la Serie 29 con il successo de Il regista (Cairo). Caino, secondo romanzo della Serie 29, è stato pubblicato nel 2016.
Elisabetta è opinionista in programmi televisivi di attualità e cronaca su Rai 1 e sulle reti Mediaset.
Ed è responsabile della rubrica Giallo&Nero del settimanale Nuovo.
I suoi libri sono stati pubblicati in 12 paesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *