Uncategorized

Recensione in anteprima | Viola di notte di Ilaria Bianchi

Viola di notte
di Ilaria Bianchi

Editore: Bookabook
Data di uscita: Dicembre 2019
Prezzo formato cartaceo: 14.00€
Prezzo ebook: 6.99€
Il libro uscirà a dicembre e attualmente è in campagna di crowdfunding fino al 27 Luglio sul sito Bookabook.


Sinossi.
Due ragazzi. Un Luna Park. Un diario. Un amore capace di nascere solo con l’immaginazione.
Viola si sente diversa, i suoi occhi sono malati, la possibile perdita della vista la rende attenta a tutto quello che la circonda. È una solitudine vera la sua, così profonda da spingerla a scrivere i suoi pensieri dentro un diario per poi lasciarli in balia del destino sulla ruota panoramica di un Luna Park l’ultimo giorno d’estate.
Mattia ha una vita perfetta ma la morte improvvisa di Matteo, suo fratello gemello, apre una voragine nella sua ostentata calma, nel suo maniacale controllo.
È in una notte tra tante che salendo sulla ruota panoramica di un Luna Park trova un diario. “Viola di notte” c’è scritto sulla prima pagina. Leggendolo Mattia inizierà il suo primo viaggio dentro se stesso. Un viaggio intenso, sincero, tanto profondo da fargli scoprire che le cose importanti non vanno cercate lontano perché spesso sono proprio lì, a portata di mano.
Viola di notte è un percorso dentro le più intime riflessioni, dentro le debolezze e le paure che almeno una volta nella vita ognuno di noi deve aver vissuto. È un viaggio dentro un amore diverso dagli altri, un amore che non si dimentica, un amore in cui essere quello che si è diventa l’unica regola da seguire per non sbagliare mai.
Recensione
I due protagonisti di questo romanzo, Viola e Mattia, sono completamente differenti ma hanno moltissimi tratti in comune. 
Due anime pure, profonde, che racchiudono sensibilità e malinconica solitudine.
Viola si sente diversa: a causa di una malattia agli occhi è costretta a “vivere di notte”, la possibile perdita della vista ha acuito tutti gli altri sensi, rendendola vigile e sicura in ogni suo movimento quando nel suo animo si sente estremamente fragile ed insicura.
Mattia, all’apparenza risoluto in ogni sua scelta e sicuro del suo fascino, custodisce in sé un grande dolore, quello della perdita di Matteo, suo gemello.
“Sono rari certi animi.
Pietre preziose che brillano al primo sole e scompaiono in mezzo ai sassi appena si spegne la luce.
Ecco chi era Viola.
Ed ecco perché lo era di notte.
Una stella che si nascondeva al giorno.
Ecco cos’era per lui quella voce che non conosceva ma che sentiva dentro.
Un pensiero diverso dagli altri, una riflessione che vorresti aver fatto prima ma che devi esserti perso per la strada.”
Mattia, girovagando senza sosta tra le attrazioni del Luna Park, quasi per uno strano scherzo del destino trova, dimenticato tra i divertimenti di grandi e piccini, un diario.
Nelle parole scritte dalla sconosciuta Viola Mattia riuscirà ad intraprendere un viaggio interiore alla riscoperta di se stesso e dei veri valori della vita.
Attratto inspiegabilmente dall’animo autentico e dalla sensibile fierezza dei pensieri di Viola, Mattia  si lascerà cullare dai sentimenti e aprirà finalmente il suo cuore, affrontando finalmente la realtà.
“Viola sembrava come un fiore che voleva nascere sull’asfalto , aveva la stessa voglia di urlare, anche da sotto al cemento,anche su una strada calpestata ogni momento., anche senza erba, terra, acqua e luce.
Anche sotto cieli grigi, anche senza il sole, anche senza il vento, senza le foglie degli alberi a proteggerla.
Lui riusciva ad immaginarla camminare sulla strada, riusciva ad immaginarla proprio come una margherita spuntata per caso tra un muro e un marciapiede, ignorata da tutti ma forte, pronta alla vita comunque. Ferma lì, bellissima, a guardare l’indifferenza di chi non poteva conoscerlo il dolore che può comportare il bisogno di sopravvivere.”

Ed è proprio il dolore il primo sentimento a legare i due ragazzi, così giovani così pregni di amari ricordi, un passato ed un presente da affrontare giorno per giorno, con coraggio e tenacia.
I loro pensieri, le loro tormentate sensazioni si fanno largo tra le pagine, mescolando vite e tessendo la ragnatela di eventi e percezioni che travolgono il lettore.
La narrazione semplice ma delicata, ricca di tutte le emozionanti sfumature della vita quotidiana, è la caratteristica che contraddistingue il romanzo.
I due protagonisti infatti, Mattia e Viola, hanno i tratti di persone comuni, due ragazzi che potremmo tranquillamente incontrare al Luna Park in una domenica pomeriggio d’estate ma che nascondono in loro una grande voglia di rinnovamenti e di speranza.
Viola di notte è viaggio, un cammino interiore tra le paure e le insicurezze. In una società in cui l’apparenza la fa da padrone, i due protagonisti, insieme al lettore, si chiederanno qual è il vero senso della vita, qual è il percorso giusto da intraprendere per la felicità.
Ringrazio l’autrice, Ilaria Bianchi, per avermi dato l’occasione di leggere il suo straordinario lavoro in anteprima nel quale la scrittura ha un ruolo fondamentale, dove la parola scritta, ancor prima dell’incontro di due sguardi, è la chiave per arrivare dritta al cuore.
Buona lettura!




L’autrice.
Ilaria Bianchi vive in una casa con una finestra che guarda il mare, ha studiato scenografia teatrale all’Accademia di Belle Arti, ama la musica, la scrittura e il disegno.
Colleziona occhiali, biglietti di concerti a cui ha partecipato e diari. 
Ha un quaderno in cui scrive tutti i film che ha visto e un baule dentro cui sono chiusi tutti i momenti importanti della sua vita. Le piace bere Coca Cola e sogna di riuscire a trovare un giorno le parole giuste per descrivere la vera profondità delle emozioni.
Viola di notte è uno dei suoi romanzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *