Fiocco di neve nero Libri per due
Recensioni

Fiocco di neve nero – I misteri della mente di Steve di Stefano Impellitteri

Editore: Independently published
Data di pubblicazione: 5 marzo 2020
Pagine: 368
Prezzo di copertina: 12,99€
Prezzo ebook: 2,99€ (Gratis con Kindleunlimited)

Link per l’acquisto

Sinossi.
Il cervello è l’unico organo materiale, in grado di generare cose immateriali. Conoscete altro capace di creare qualcosa che non esiste? E se davvero l’uomo nella sua mente, avesse capacità che vanno oltre la normale comprensione?

Questo romanzo parla del sentimento di alienazione che accompagna l’adolescenza, utilizzando un’iperbole fantasy.
Steve è schiavo da anni di manifestazioni paranormali. Sa di essere lui a possedere quei poteri, ma non ne ha controllo. Arriva in una nuova città e, nella nuova scuola, avviene l’omicidio misterioso di un ragazzo che sembra causato da qualcuno con poteri simili ai suoi.
Il protagonista inizierà con il suo compagno di stanza una ricerca del responsabile, mosso dal conflitto interiore di vendicare il ragazzo ucciso da quel misterioso assassino e l’idea di aver trovato un altro simile a lui. Poco alla volta, affiora un enigmatico mistero nel passato di quella scuola e, Steve, ne sembra in qualche modo collegato.
Cosa ha a che fare lui con quanto la scuola nasconde? Perché lui è in grado di muovere gli oggetti con la mente?

Fiocco di neve nero

29 Settembre 2014.
Steve Miller, nei suoi 16 anni di vita, ha già vissuto molte sofferente e altrettanti trasferimenti.
Il giovane ragazzo e la sua famiglia adottiva formata da Mary e Tom, i suoi tutori, si sono spostati in continuazione a causa si numerosi eventi sovrannaturali che si sono manifestati improvvisamente nella loro abitazione, durante la notte. Situazioni inspiegabili, inquietanti.

Steve, un ragazzo come tanti dagli occhi marroni, i capelli di un comunissimo castano e il naso abbastanza pronunciato, possiede un carattere chiuso ed introverso.
La sua indole poco espansiva viene sì dalla sua travagliata infanzia ma soprattutto da molte, moltissime domande su uno strano potere che lo travolge, sempre nella notte.
Mentre dorme Steve riesce a spostare gli oggetti, smuoverli senza una possibilità di gestione, senza nessun controllo.

La sua agitazione aumenta quando sta per trasferirsi nel collegio della nuova città scelto da Mary e Tom.
Il suo tormento nasce dal fatto che dovrà trascorrere cinque giorni a settimana nella struttura e dovrà condividere la camera con un ragazzo che, così come i suoi tutori, dovrà rimanere all’oscuro di tutti i suoi problemi.

Steve fa così la conoscenza di Ricky Chubert con il quale trova subito una certa affinità. I due si completano.

“Questione di pelle” è come dire che te lo senti addosso; la prova che le emozioni battono ogni logica.

Nei loro primi giorni di conoscenza Ricky mette al corrente Steve sugli strani avvenimenti che avvengono nella scuola, quasi inspiegabili.
E sono propri i due ragazzi che si trovano a vivere una di queste incomprensibili situazioni quando trovano il corpo senza vita di un giovane ragazzo morto apparentemente per annegamento (ma nelle vicinanze non ci sono fonti d’acqua!).

Steve deve assolutamente capire come sia possibile, quali sono i motivi per il quale questi misteriosi avvenimenti si alternano senza sosta nella sua vita.
É forse lui stesso la causa di tutto?
Quella che si nasconde nel suo animo è una forza oscura e brutale?

Guardai i fiocchi di neve cadere e mi venne in mente il fatto che non ce ne fosse uno uguale all’altro: erano tutti diversi, come le persone sulla terra.
Io, però, ero un po’ più diverso dagli altri. Io non ero ciò che si può definire “normale”.
Mi sentivo diverso in senso negativo;
mi sentivo un “FIOCCO DI NEVE NERO”.

Inizia così il vero viaggio, un mondo tutto da scoprire tra nuove opportunità e occasioni, avventure e allenamenti.
Un colorato e variegato mondo fantasy con un tocco di giallo, quello tipico dei misteri da risolvere.

Sarà il viaggio a Gericon, un luogo mistico e magico slegato dalla realtà fisica, in compagnia di Ricky e dell’eccentrico Nicolas, l’occasione per Steve di avere le risposte ai mille interrogativi che da sempre attraversano la sua mente.

E sarà il Taurus il mezzo attraverso il quale Steve verrà a contatto con la verità a lui nascosta della psicocinesi, nel quale avrà la possibilità di mostrare la sua reale ambizione, le sue capacità e di sentirsi finalmente accettato dal mondo che lo circonda.

Se prima ero io quello “anormale” che muoveva le cose con la mente, ora era lui quello “troppo normale”, circondato da persone con doti speciali. Riuscivo a capire quanto si sentisse fuori luogo perché io, per primo, provai quelle emozioni nel nostro mondo. Su questo treno, ero tornato a essere un fiocco di neve bianco, esattamente come gli altri che avevo intorno.

Un viaggio tra due realtà opposte che sfuma nel viaggio interiore nella mente di Steve. Una mente complessa, intricata ma che cerca soltanto un motivo per essere felice, la sensazione di essere accettato per la sua diversità che lo rende così speciale.
Come un fiocco di neve, delicato, freddo e fragile, nero per le sue imperfezioni, unico e particolare.

Nel bene e nel male, imparare a sfoggiare la propria diversità non fa altro che renderti più unico.

Tra imprese, nuove conoscenze, ricerche e una ventata di fresche emozioni la lettura si srotola in un fluire di immagini e sensazioni.

Sebbene il protagonista sia Steve con il turbine di pensieri nella sua mente di cui il lettore conosce ogni anfratto, tutti i personaggi che si incrociano nella storia possiedono una caratteristica particolare, una dote senza la quale il giovane non potrà arrivare alla tappa finale del suo magico percorso.

Il libro è diviso in tre parti, in ognuna delle quali il lettore può identificare i passi del cammino di Steve nella sua realizzazione, verso una nuova consapevolezza di sé e delle sue attitudini.
La narrazione è semplice ma scorrevole.
Nonostante nella parte iniziale l’empatia coi vari personaggi non sia scontata, nella seconda il lettore può trovare una maggiore affinità e una fluidità e dinamicità di eventi.

Fiocco di neve nero – I misteri della mente di Steve è un romanzo auto-conclusivo ma è disponibile un seguito.

Ringrazio l’autore, Stefano Impellitteri, per avermi dato ancora una volta la possibilità di leggere il suo lavoro.

Buona lettura!

Dello stesso autore potete trovare sul blog la recensione de La Prima Melodia – Libro Primo delle Cronache Armoniche.

0 Condivisioni

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *