Il contratto reale Libri per due
Recensioni

Il contratto reale di Ilaria Merafina

Editore: O.D.E. Edizioni
Data di pubblicazione: 27 febbraio 2021
Pagine: 236
Prezzo di copertina: 12,99€
Prezzo e-book: 2,99€

Link per l’acquisto

Sinossi.
Primo volume di una trilogia: Lui non è il solito Principe Azzurro e lei non è la solita ragazza ricca, di buona famiglia che mira a fama e potere. Henry è lo scapestrato della corona danese, un ribelle che non è mai stato interessato alle questioni di stato. Lady Selene è la pecora nera della famiglia. Ha un carattere impulsivo e non pensa prima di parlare, causando spesso imbarazzo ai suoi genitori. Cosa può succedere quando una persona che tenta di fuggire dal proprio destino e una che cerca disaldare i conti con il proprio passato, sono costretti a legarsi per tutta la vita? Un viaggio alla ricerca di se stessi, del coraggio e della fiducia, da affrontare con qualcuno che mai avrebbero voluto al loro fianco. Tra litigi, pregiudizi e attrazione, dovranno decidere se afferrare o no la mano che il destino ha deciso di porgere.

Il contratto reale

A tutte le ragazze che cercano il proprio principe, a quelle che lo devono ancora incontrare e a tutte coloro che l’hanno trovato.

E’ questa la dedica che l’autrice, Ilaria Merafina, ha deciso di fare alle lettrici che decidono di intraprendere la lettura del suo lavoro.

Si perché è da quando siamo bambine che molte ragazze sognano di trovare il proprio principe azzurro: dolce, gentile, amorevole…Insomma, le fiabe Disney questo ci hanno insegnato!
Ma non sempre tutto va come ci si aspetta…

Sebbene non avesse perso la fede in questo sentimento che poteva durare tutta la vita e a volte anche oltre, aveva cominciato a pensare che forse era proprio l’amore a non credere in lei.

Selene, appartenente alla famiglia Lanhoy, è uno spirito ribelle e difficilmente controllabile. La sua irrequietezza è nota tra i suoi familiari che, spesso, si trovano in imbarazzo per i suoi atteggiamenti poco ortodossi.
Al contrario di sua sorella Danielle, aggraziata per natura, Selene è uno spirito impulsivo, ardente e selvaggio.

Ed è proprio la sua avversa inclinazione alla regalità che le causa sensi di colpa difficili da placare.
Selene vuole riscattare se stessa di fronte al resto della sua famiglia, fare in modo che la vedano finalmente degna del posto che ricopre.
Ma forse ha fatto una promessa che difficilmente potrà mantenere…

Sua madre Beathrice infatti ha organizzato un incontro con la regina Meredith di Danimarca.
Lo scopo è quello di organizzare l’unione combinata tra Selene e il giovane (scapestrato) secondogenito della famiglia reale Henry.

Henry, rivoluzionario e indisciplinato, è per la sua famiglia fonte di vergogna: per alcuni discutibili comportamenti sono sorti problemi e instabilità che hanno scombinato gli equilibri reali.

Il primo incontro tra Selene e Henry non è certo l’incontro da favola che le loro famiglie si aspettano: Henry è convinto che Selene sia interessata soltanto al risvolto economico, un’arrampicatrice sociale.

Rabbia, rancore, frustrazione. Sono questi i sentimenti che il giovane principe scaglia verso la sua futura consorte, ignara del fatto che sotto alla coltre di disprezzo si nasconda un dolore incolmabile.

I due infatti, in apparenza così diversi e distanti, condividono più di quello che credono…
Riusciranno a trovare un punto di incontro?

Vana, la sua vita era diventata vana e vuota, privata per sempre del calore che solo l’amore sapeva dare. Era stata tradita a lungo da quel sentimento che tanto aveva cercato e nel quale tanto aveva sperato, così da correre contro tutte le correnti della logica, della ragione e finendo per cadere da un masso troppo alto.
La caduta le aveva lasciato intatte solo le forme, dentro era stata sbriciolata e nonostante fosse convinta che niente più avrebbe potuto toccare le corde della sua anima, tutto quell’odio era stato capace di lacerare la polverosa coltre di indifferenza.

Il contratto reale è una storia d’amore, soprattutto quello verso se stessi: l’importanza di riconoscersi per quello che si è veramente, accettarsi, migliorarsi ma senza nascondersi dietro maschere di rabbia reprimendo la vera essenza.

In una società nel quale le imposizioni sono alla base della vita quotidiana, Selene e Henry si trovano costretti a sedare i loro sentimenti, cementarli nel muro di incomprensione che li circonda.

Quel ragazzo stava vivendo gli stessi tormenti che lei aveva già vissuto e dai quali non era riuscita a uscirne incolume.
Aveva perso una parte di se stessa e non solo.

Una lettura fresca che nasconde in sé argomenti che portano il lettore a riflessioni più profonde e radicate.
I pensieri e le emozioni dei due protagonisti vengono a galla pagina dopo pagina, attraverso le loro parole e i differenti punti di vista che, nonostante le apparenze, appaiono vicini e similari.

Ognuno di loro però possiede le proprie caratteristiche che li rende facilmente riconoscibili.
I due racconti, le due prospettive, hanno toni differenti: in ognuno di loro affiorano sentimenti chiari e nitidi, espressioni che si assomigliano ma non si sovrappongono.

Attraverso una narrazione semplice e fluida la lettura scorre senza ostacoli percorrendo una storia intensa e profonda. Sebbene delle volte il lettore può facilmente intuire le reazioni dei protagonisti, le dinamiche e le evoluzioni sono coinvolgenti e condite con una buona dose di ironia.

Il contratto reale è una fiaba moderna nella quale i personaggi sono persone reali, non artefatti, nei loro pregi e soprattutto nei difetti, che hanno paure, dubbi e che provano dolore ma che nascondono nel loro essere una vera e profonda ricchezza.

Ringrazio l’autrice, Ilaria Merafina, per avermi dato l’opportunità di leggere il suo lavoro.

Buona lettura!

0 Condivisioni

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *